L’ARTE DELLA CARTOMANZIA

con Nessun commento

Sulle origini della cartomanzia esistono varie versioni. C’è chi le fa risalire ai cinesi. La derivazione del domino, che anticamente non era considerato un gioco. Era un vero e proprio strumento per leggere la volontà divina. Secondo altri studiosi, i primi maestri della cartomanzia furono invece gli egizi. In particolare a sostenere questa tesi è un francese, Alliette. Nel 1770 scrisse un saggio sull’argomento sostenendo tra l’altro che l’unico libro sfuggito all’incendio della biblioteca di Alessandria trattava appunto di cartomanzia. Così com’era praticata nell’antico Egitto e cioè con 78 carte (che allora erano sottili foglie d’oro). Sulle foglie erano incisi misteriosi geroglifici dalla cui lettura combinata i sacerdoti erano in grado di predire il futuro.
La diffusione delle carte. Nei secoli successivi i geroglifici lasciarono il posto a tutta una serie di figure simboliche. Ne troviamo traccia in epoca medioevale in Spagna e in Germania. Successivamente in Francia. Nel 1540 vi fu il primo tentativo di dare regole precise a quest’arte divinatoria. Guillaume Postel pubblicò il volume Clef des Choses cachées (Chiave delle cose occulte). Sancì la nascita ufficiale della moderna cartomanzia e dei tarocchi. Con una serie di varianti, i tarocchi sono usati ancora oggi.

Tarot cards Tarot, the san card in the foreground.
Le 78 carte dei tarocchi utilizzati per la cartomanzia sono divise in due gruppi. Sono 56 Arcani minori, divisi a loro volta in quattro semi (bastoni, denari, coppe e spade). Sono 22 gli Arcani maggiori, che rappresentano tutta una serie di figure simboliche. Tutti le figure sono legate a concetti universali (ruota della fortuna, giustizia, matto, papessa, eremita, carro, amanti, impiccato, torre e così via).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *